Prima o poi dovrò creare un generatore automatico di titoli.


E insomma!

Aggiorniamo al volo!

Intanto mi è d’obbligo ringraziare Orso per avermi fatto da sostegno psicologico durante quella lunga..lunghissima..infinita..giornata di Pasqua!

Anche se poverino, lui stava messo peggio di me..A lavoro! :(

Cooomunque, fortuna che ‘ste feste sono passate!!

E sono finite!

Mo’ se ne riparla tipo a..Natale, no???? :D

Ah no, aspetta Nana.

Il primo luglio è il tuo compleanno.

Dovrò evaporare.

Assolutamente.

Che dire di Pasqua?

Sono andata da mio nonno che si trova in quel di Silvi Marina, in Abruzzo.

Partita con mio zio, mia zia, mio cugino di 8 anni e mia madre.

Alle 8.30 di mattina.

Già gli smadonnamenti solo a sentire la sveglia.

Ovviamente la sera prima mi raccomando regà non voglio far tardi che domani c’ho l’alza-bandiera e conoscendo mio zio mi fa ansia se tardo di soli due minuti! (Cheppoi così è stato eh. Alle 8.32 mi arriva un sms con scritto: Dove minggghia sei? E’ tardi! Poi c’è traffico!..Come no! Avessimo beccato due macchine insieme.)

E fu così che andai a dormire tipo per le 3.

Puzzando di birra.

E neanche l’avevo bevuta.

Diciamo che mi ci hanno fatto il bagno.

Ve lo racconto?

Massì, tanto sto solo facendo tardi.

Tanto vale continuare!

Eravamo quattro amici al pub.

No, forse cinque.

Ma i protagonisti di questa bella storia sono tre, ovvero io, il mio amichetto dalle elementari che ormai chiamerò Limoncello, ed A., quello scuro senza motivo.

Io, seduta vicino ad A. e con lo charme di una scaricatrice di porto (chi mi conosce sa che mi contraddistinguo per i miei francesismi), esordio con: A. ma puzzi un po’ di m***a. Non è che l’hai acciaccata?

A: Oddio non lo so! Controlla un po’!!!

Intanto davanti Limoncello insultava A. dicendogli che era proprio lui che puzzava, ed altri insulti che non oso scrivere, ma un sacco goliardici, giuro.

Succede poi che A. non è che sia così agile, e struscia il piede contro Limoncello, mentre si stava spostando per controllare ancora se ci fosse qualcosa di non gradito.

Limoncello, schifatissimo, scatta via al suono di leva sti piedi di….**************************************************************************

Per rendervi l’idea.

Il fato vuole che io stessi lì davanti, anzi che stessimo, io e il mio bellissimo cellulare zebrato.

E che il bicchiere di Limoncello colmo di birra appena assaggiata si riversasse su di noi a mo’ di tsunami.

Io mi sono salvata.

Il telefono no.

E’ in assistenza.

Ed io mi sento un po’ fuori dal mondo.

Ma tornando a Pasqua.

Partiamo.

Viaggio discreto tra vari russare e l’immancabile cd dei Gemelli Diversi nello stereo di mio zio.

Cheppoi la colpa è la mia, che quel cd glielo feci.

Così, decisa ad isolarmi, tiro fuori l’mp3.

Mio cugino alla vista delle mie bellissime cuffie impazzisce.

E così finisco ad ascoltarmi un po’ di sano rap con mio cugino di 8 anni.

Invasatissimo lui!

Rappava pure.

Un sacco orgogliosa, mannaggia!

Arriviamo da mio nonno, baci e abbracci, Nana non ti fai sentire mai eh!, insomma le solite cose.

Poi inizia ad arrivare gente che non conosco.

E di cui tuttora ignoro il grado di parentela.

Vabbè si mangia fino allo sfinimento.

E poi inizia il dramma.

Finito di mangiare sono solo le 14!!!!!

Fino alle 17 è stato un viaggio continuo tra la sala e il bagno.

Sono sicura che i miei parenti pensino che soffra d’incontinenza.

Ma alla fine siamo sopravvissuti.

Con molta fatica, roba che ho sbattuto ripetutamente la testa al muro, e so che questo non ha giovato alle mie già critiche condizioni mentali.

Pasquetta invece è stata fantastica.

Alla fine eravamo rimasti in cinque.

Che facciamo? Che non facciamo?

Buttiamoci a Villa Borghese!

E così siamo stati lì a importunare la gente giocando a schiaccia 7, che poi inevitabilmente diventa 5 perché siamo delle pippe assurde.

Ho fatto poche foto uff.

E nienteee..

Voi che avete fatto durante queste feste?

Ah, vi lascio con una notizia che vi cambierà la vita sicuramente.

Mi sono rifatta la tinta.

Non ho più la ricrescita.

No, davvero, non ringraziatemi.

 

Byez, la Nana.

About these ads

One thought on “Prima o poi dovrò creare un generatore automatico di titoli.

  1. Grazie per la comprensione!
    Ti avevo vista disperata quindi ho pensato di darti un aiutino! :-P
    Beh, Pasqua sai come è andata… fortunatamente mi sono rifatto a Pasquetta!
    Dalle ore 13 alle ore 1:00 con i miei amici a mangiare, giocare, ridere.
    E a fine giornata anche festeggiare il mio compleanno!
    Pako può confermare :-P
    In ogni caso, le tue feste sono state molto più avventurose!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...