Diario

Scrivere mi riesce meglio ma non voglio farmi leggere.

Certe voglie che ti prendono sono proprio stronze. Arrivano, ti schiaffeggiano risvegliandoti da un certo torpore, e ti lasciano lì, a bocca asciutta. E ti giri e ti rigiri e ti giri ancora cercando di non pensarci, cercando di tenere lontana la testa ma le rotelle girano e rigirano e finisci con l’immaginare ogni singolo dettaglio.… Continue reading Scrivere mi riesce meglio ma non voglio farmi leggere.

Diario

Ma se ci siamo persi, qualcuno ci dovrà recuperare.

Ci sono certe frasi che, cristo, ti rimangono impresse anche a distanza di giornimesianni, e ogni tanto le senti far capolino dal profondo di quello stomaco che ultimamente non ti lascia proprio più in pace. Sei lì che ci pensi, ci ripensi, analizzi, le fai tue per poi prenderne le distanze. Fossero state pronunciate anche una… Continue reading Ma se ci siamo persi, qualcuno ci dovrà recuperare.

Diario

E siccome sei molto lontano, più forte ti scriverò.

Traccio una linea su questa giornata. Ho il pigiama dalle 19, nello stesso momento in cui ho varcato la soglia di casa, ho detto basta, per oggi. Lo sapevo che sarebbe stata un po’ così, ma forse mi illudo che col tempo magari forse sempre meno e invece niente. Pazienza. Faccio spallucce e penso che mi dispiace… Continue reading E siccome sei molto lontano, più forte ti scriverò.

Diario · Indipendentemente inCAOSinata

#14 Cose che ho appreso dall’essere indipendentemente inCAOSinata

WhatsApp ha introdotto finalmente le gif anche nell’app. Il fatto che questa notizia sia la prima cosa che mi venga in mente di scrivere dopo una certa assenza, non vi fa riflettere su quali siano effettivamente le mie priorità? A Pasqua ho lavorato, quindi non posso raccontarvi le mie eccitanti avventure, se non che alla… Continue reading #14 Cose che ho appreso dall’essere indipendentemente inCAOSinata

Diario

Sarà che corro da una settimana intera, ma stasera sento di sprofondare male malissimo. Continuo a trascinarmi questo bagaglio di solitudine che pesa porcaputtana. Forse ci ho fatto anche un po’ l’abitudine. Forse, se questo lato ha fatto radici profonde, non riuscirai mai a scrollartelo di dosso. Non voglio fare altri pronostici. Non a voce… Continue reading

Diario

Se non ci si vede, buona Pasqua.

Questo è un piccolo, piccolissimo post, per dire a tutti quelli che ogni ricorrenza, e con ogni intendo che non se ne fanno scappare una neanche per sbaglio, debbano rompere il cazzo perché COSA TI FESTEGGI E’ TUTTA UNA FARSA DOMANI SARà COME SEMPRE PIPIPIPAPAPA Soprattutto quest’ultima. Le ricorrenze, le feste, i giorni della memoria o… Continue reading Se non ci si vede, buona Pasqua.

Diario

Slow down the iron that runs in my veins.

Questa mattina mi sono svegliata con voglia di fare cose. Allucinante. Questo post sarebbe dovuto iniziare così, il 3 marzo. Poi è successo uno spaghetto aglio ed olio, un treno da prendere di corsa, un non ti vedo eccoti ti raggiungo, una passeggiata, due gelati, tre rose, un black diamond, e tante, tante storie, insieme alla voglia di… Continue reading Slow down the iron that runs in my veins.