Diario · Indipendentemente inCAOSinata

#14 Cose che ho appreso dall’essere indipendentemente inCAOSinata

WhatsApp ha introdotto finalmente le gif anche nell’app. Il fatto che questa notizia sia la prima cosa che mi venga in mente di scrivere dopo una certa assenza, non vi fa riflettere su quali siano effettivamente le mie priorità? A Pasqua ho lavorato, quindi non posso raccontarvi le mie eccitanti avventure, se non che alla… Continue reading #14 Cose che ho appreso dall’essere indipendentemente inCAOSinata

Diario

Sarà che corro da una settimana intera, ma stasera sento di sprofondare male malissimo. Continuo a trascinarmi questo bagaglio di solitudine che pesa porcaputtana. Forse ci ho fatto anche un po’ l’abitudine. Forse, se questo lato ha fatto radici profonde, non riuscirai mai a scrollartelo di dosso. Non voglio fare altri pronostici. Non a voce… Continue reading

Diario

Se non ci si vede, buona Pasqua.

Questo è un piccolo, piccolissimo post, per dire a tutti quelli che ogni ricorrenza, e con ogni intendo che non se ne fanno scappare una neanche per sbaglio, debbano rompere il cazzo perché COSA TI FESTEGGI E’ TUTTA UNA FARSA DOMANI SARà COME SEMPRE PIPIPIPAPAPA Soprattutto quest’ultima. Le ricorrenze, le feste, i giorni della memoria o… Continue reading Se non ci si vede, buona Pasqua.

Diario

Slow down the iron that runs in my veins.

Questa mattina mi sono svegliata con voglia di fare cose. Allucinante. Questo post sarebbe dovuto iniziare così, il 3 marzo. Poi è successo uno spaghetto aglio ed olio, un treno da prendere di corsa, un non ti vedo eccoti ti raggiungo, una passeggiata, due gelati, tre rose, un black diamond, e tante, tante storie, insieme alla voglia di… Continue reading Slow down the iron that runs in my veins.

Diario

運命の赤い糸

Punti saldi dell’essere. In cosa crediamo. Come siamo arrivati qui. Byez, la Nana. Ps: esistono tanti tipi di fili rossi che ci uniscono, qui ne trovate una prova. Grazie ML.

Diario

So I’ll sit and smile here with you like I never thought I’d do.

Ventotto giorni per decidermi a rimetter mano sul blog. Fortuna che ventotto suoni davvero bene, o la cosa mi avrebbe particolarmente intristita, e noi non vogliamo che Nana sia triste, vero? (ma noi chi?) Bene. Come state? E ci tengo che rispondiate, dopo ventotto giorni, il minimo che si possa fare è chiedere vostre notizie. (ma voi chi?) no,… Continue reading So I’ll sit and smile here with you like I never thought I’d do.

Diario · Indipendentemente inCAOSinata

#13 Cose che ho appreso dall’essere indipendentemente inCAOSinata

Sono sopravvissuta anche a questo Nasale. Ogni anno il terrore dell’arrivo di queste feste, inizia al albergare in me già ai primi albori di novembre, poi arriva il 27 e tutto è già finito e tu neanche te ne sei reso conto perché in overdose da cibo mioddioquantofrittohomangiatoequantostocontinuandoamangiare. E rimanendo in tema, sono ovviamente ingrassata, che… Continue reading #13 Cose che ho appreso dall’essere indipendentemente inCAOSinata