Maledetto cuore che ti sciogli ogni volta che dico addio.

Facciamo che macchio il caffè e mi metto comoda. Appoggio gli occhiali sulla testa, sì ok, servirebbero sul naso però fa niente. L'unica canzone che mi viene in mente e che ascolto di continuo è Ridere dei PTN. però tu fammi una promessa che un giorno quando sarai persa ripenserai ogni tanto a cosa siamo stati … Leggi tutto Maledetto cuore che ti sciogli ogni volta che dico addio.

Ci vedo da vecchi a bere col tuo sguardo di squincio sul terrazzo del Pincio.

Ammetto non sia facile scrivere in questo momento, devi decidere quale parte della coperta tirare. Vuoi lamentarti della condizione attuale, dello stare in casa, dell'impossibilità di vivere la tua vita così come è stata fino al lockdown (di cui comunque ti lamentavi ugualmente, perché alla fine bisogna essere coerenti), oppure vuoi fare finta che non stia succedendo … Leggi tutto Ci vedo da vecchi a bere col tuo sguardo di squincio sul terrazzo del Pincio.

Me l’hai insegnato tu che la felicità non è una colpa.

Si alza un leggero soffio di vento, quasi impercettibile. Sarà la trecentesima volta che mi scosto i capelli, da una parte all'altra. E' una specie di vizio. Mi tocco il lobo e non sento più l'orecchino..merda. Era un regalo. Pazienza. Sto aspettando l'autobus, lo stesso che ho preso n volte per raggiungerti. Che fastidio rimanere così … Leggi tutto Me l’hai insegnato tu che la felicità non è una colpa.

You’re getting along without me.

Pensavo fosse rincuorante sentirsi dire che, in fondo, un cambiamento c'è stato. Allontanarsi è servito solo a farlo emergere. Ma c'è stato. Non siamo stati bravi a tirarlo fuori nel mentre, o forse perdiamo interesse quando effettivamente la persona che abbiamo davanti non è più quella che ci ha fatto battere il cuore? Che poi, … Leggi tutto You’re getting along without me.

iononsopiùdite

E' da ieri sera che mi godo il silenzio di questa casa. Che poi, il verbo godere non credo sia tra i più appropriati. Ammetto che mi sentivo come in trappola, con le mani immobili, le gambe rigide, la bocca asciutta. Ho chiuso gli occhi per disperazione verso l'1.30. Alle 6 ero già in piedi a … Leggi tutto iononsopiùdite

E se il destino ti mette alla prova tu, nel dubbio, accelera.

Ogni volta che provo a metter mano al template di questo blog, mi ricordo perché sia rimasto invariato da un po'. Fanno tutti cagare. E non sono neanche così intuitivi. Lunedì è stato il suo compleanno, mi sono trattenuta fino ad un certo punto, alla fine gli auguri glieli ho scritti. La risposta è stata … Leggi tutto E se il destino ti mette alla prova tu, nel dubbio, accelera.

E non dico che sono maturo, ma solo più immerso dentro quello che vivo.

Qualche giorno fa ho pubblicato un articolo che non avrei voluto pubblicare. Vi direi mica sono scema eh, ma in realtà un po' mi ci sento. Potrei inventarmi un sacco di storie, ma, a stringere, mi sono addormentata col cellulare in mano e ho pubblicato una bozza. chestoria! direbbe Caparezza.   Questa settimana ho avuto la … Leggi tutto E non dico che sono maturo, ma solo più immerso dentro quello che vivo.

Metti le scarpe più brutte che ti porto a ballare.

Mangio le più gusto lime e pepe rosa seduta davanti al pc, provando a non sentire ciò che mi circonda. Non succede da un po' ma giragiragira, a volte si torna sempre al punto di partenza.   Circa un mese fa, per caso, mi sono scritta su Instagram con uno di voi che uno di voi … Leggi tutto Metti le scarpe più brutte che ti porto a ballare.

Questo letto è un deserto senza te dentro muoio di sete, dimmi che differenza c’è tra l’amarsi e il volersi bene.

Sto facendo progressi. Da sette a solamente tre mesi di assenza, mi sembra davvero un buon passo avanti! Ciao belle, ciao belli, ciao ciao ciao ciao. Ho acceso il pc dopo un anno credo, e uao. U A O Credo che il problema del post precedente fosse anche questo. Scritto su tablet. Ma vogliamo scherzare?   Comunque … Leggi tutto Questo letto è un deserto senza te dentro muoio di sete, dimmi che differenza c’è tra l’amarsi e il volersi bene.

Complichiamo i rapporti come grandi cruciverba, e tu mi chiedi “perché?”

Onestamente, non pensavo fossero passati sette mesi dall'ultima volta in cui ho messo mano sul blog. Damn it. Ammetto di aver provato, c'è una bozza di aprile che spunta prepotentemente tra gli articoli scartati. Dico, ancora non è il tuo tempo, forse. No, decisamente. Una bozza così, rischia di rimanere in eterno nell'oblio, un po' … Leggi tutto Complichiamo i rapporti come grandi cruciverba, e tu mi chiedi “perché?”