Giglio è pazzo.


Con una sosta fin troppo prolungata sulla Salaria, l’ansia della spia dell’olio che giocava a nascondino, le parolebrutte all’impiccato, il Bombadil Caffè che suonabenemafaschifo, lo strudel troppo dolce, la Pepsi troppo fredda, le canzoni abruzzesi e i cadaveri sotto i sedili, le camicie con le iniziali che non potrò mai farmi perché verrebbe fuori VC e sarebbe tremendo, m’hai alleggerito la giornata.

Una giornata il cui unico pensiero è stato quale sarà il modo più efficace per suicidarsi, ci volevi tu.

Però aho, non ti montare la testa.

Borracce blu e cannucce.

 

Byez, la Nana.

Annunci

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...