Comunque quando giochiamo alla fattoria, la bimba me lo dice sempre che la pecora la so fare bene.


Avevo delle alte aspettative.

L’ultima volta che lo feci, voglio dire, era tutta un’altra cosa.

Sì ok, ci si impiega un po’ di tempo, però vuoi mettere poi?

E invece niente.

E’ che poi mi viene in mente una canzone, e lascio stare, che alla fine quand’è così, vuol dire che vie di salvezza non ce ne sono.

 

C’ho messo più di mezz’ora per boccolarmi i capelli e sembro ‘na pecora.

Le modifiche erano dovute.

C’ho du occhiaie che levamose proprio.

Vabbè.

L’effetto pecora dovrebbe scomparire domattina, e se non scomparisce da solo, mi bacchetterò la testa a suon di spazzolate.

 

Ah comunque devo darvi ragione.

Miei succulentissimi bucatini all’amatriciana, in molti m’avete scritto che l’originalità, l’inventiva, cazzi&mazzi sarebbero tornati, che era un momento passeggero.

Avevate ragione.

L’unico problema è quale via abbiano intrapreso, e cioè la via del vandalismo.

Mi piace pensare che la mia inventiva abbia quindici anni, i capelli rossi tinti male, i vestiti strappati e che sia finita in un brutto giro di droga e prostituzione in quel di Berlino. Ogni riferimento a libri e/o film è puramente casuale ma anche no.

Non lo so, è che proprio mi sento particolarmente ispirata, ed è così che sto collezionando una serie di frasi ad effetto, frasi toccanti, frasi che farebbero vergognare pure Sgarbi, per quando mi munirò di bomboletta spray e farò tornare la tanto amata sbronza quale io sono.

Me lo disse pure un ex, sapete?

Nana con numero a lui sconosciuto: Sono passata davanti casa tua e c’era la tua macchina. La voglia di bucarti le gomme era tanta, ma ho resistito. Non c’è di che.

Ex: ma chi sei?

Nana: una stronza.

Ex: Mh, una stronza che sa dove abito incline ad atti vandalici eh..Sei tu Nana, vero?

Cheppoi non è che io me ne vada in giro a deturpare il mondo.

Solo che ho delle idee geniali, c’è poco da fare.

Per la cronaca, sono rinsavita. Almeno un po’.

Ho iniziato a ridere in modo isterico ogni qual volta mi si palesa in faccia la realtà delle cose.

Mio padre stasera s’è anche messo un po’ paura, tant’è che alle 21.10 già s’era preso la gatta grassa e s’era ficcato sotto le coperte.

Non prima di lasciarmi questa perla però!

Dad: “Che film è?”
Me: “Oliver Twist”
Dad: “Ariva er twist?!

 

Ci penso.

Ci ripenso.

Mi convinco che non è la fine del mondo.

Eppoi che cazzo.

Io mi sono fatta il culo durante tutto questo tempo, non ho bisogno di accontentarmi, no?

Quindi tu ed i tuoi occhi e le tue guance e le tue mani e i tuoi capelli e la tua pancia e il tuo sedere e le tue spalle e la tua bocca, fatemi il piacere.

Non ditemi più nulla.

Smettetela di attirarmi a voi, che io lo so che è tutto nella mia testa, che quando parto in quarta me faccio certi film che non ve dico.

Smettetela, davvero.

Chi ve lo ha chiesto?

 

E’ partito il conto alla rovescia.

-8.

 

Oh, quante bugie mi hai detto..dove ti ho trovato. 
In quale maledetto giorno t’ho incontrato.

Byez, la Nana.

Annunci

6 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...