You sing a sad song just to turn it around.


I bisbiglii non hanno mai portato da nessuna parte.

La differenza, credo, sia sempre stata questa.

Non mi sono mai trovata troppo a mio agio con le cose dette di sottecchi, ho sempre pensato destabilizzassero. Una cosa o la dici a voce alta, o eviti di dirla proprio.

Che poi, io, non sono neanche troppo brava a mantenere i segreti.

E non mi è mai stato chiaro il motivo per il quale la gente continui a confidarsi.

Infondo fiducia? Che comunque, parliamoci chiaro, non è che mi metta a sventolare le cose ai quattro venti. Si tratta solo di lasciarsele scappare per la troppa fiducia che io per prima, ripongo negli altri.

Pensandoci, mi vengono detti solo perché riempio la gente di domande.

Tranne quando mi trovo di fronte ai sussurri mal celati da pareti che di certo non sono spesse quanto dovrebbero.

Ecco, come si fa a chiedere a qualcuno cosa stia succedendo, se quel qualcuno si nasconde dietro decibel più bassi?

Ti rispetto, e faccio finta di niente. Passo per quella a cui le cose scivolano addosso, anzi, come mi ripetevi spesso, delle cose che succedono a un palmo dal mio culo non può fregarmi di meno. Che se ci pensi, sei tu che manchi di rispetto.

Come se poi, a me, la situazione piacesse veramente.

Stava andando tutto fin troppo bene, e poi, ecco che mi ritrovo catapultata agli anni in cui non riuscivo a stare dentro casa mia, gli anni in cui entravo in una stanza e calava il silenzio, gli anni dei pasti consumati a velocità raddoppiata per scappare a chiudermi in camera. Ma non ce l’ha nessuno la colpa di tutto questo, dico davvero. Non sono più quella ragazzina arrabbiata che un giorno ha preso un solo scatolone e l’ha riempito di pupazzi, mica vestiti, pupazzi, a ripensarci mi viene anche da sorridere. Non ho voglia di scappare, e non solo perché non avrei nessun posto dove andare, ho voglia di stare bene e di vivere come si dovrebbe vivere.

Possibile non ci sia neanche una vaga possibilità remota di riuscirci?

 

Byez, la Nana.

 

Annunci

44 commenti

  1. Quando ti metterai in cammino con un legno sulla spalla a cui è appeso un fazzoletto a quadri con dentro le tue cose sappi, Nana cara, che l’Olimpo ha un’ala che ti aspetta.
    Metto in fresco vino e ambrosia. E anche Ares, non si sa mai ehehe.

    Liked by 1 persona

  2. in base alla mia esperienza credo che alla genmte piaccia parlare e confidarsi con te perchè sai ascoltare. Sei attenta anche se ,agari hai mille casini a casa e per la testa e hai una giornata di merda TU CI SEI! e questo non è da poco e non è da tutti!

    Liked by 2 people

  3. Se la gente (cioè, mica uno o due o anche tre, proprio la GENTE!) si confida con te, un motivo ci dev’essere per forza, no? E dev’essere per forza bello, non si scappa. Ci dev’essere qualcosa di prezioso in te, per forza, qualcosa che brilla così tanto da far sì che lo vedano anche quanti non hanno capito come sei fatta dentro. Avrò mica esagerato? Devi però considerare che il mio punto di osservazione è parecchio lontano,e anche la vista è quel che è ;)
    (Ma questo sfondo non ha una data di scadenza? A me sembra di sentire uno spiacevole odore, magari mi sbaglierò ma forse è meglio controllare… :P )
    Saluti e ogni bene

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...