Non è cambiato niente e niente cambierà.


Vorrei evitare di stringere la testa tra le mani tutte le volte che sento quel dolore forte in petto.

La respirazione, ed altre stronzate zen, non fanno per me.

Il far parte di non è che sia mai rientrato troppo in quel che è stata la mia vita fino ad ora.

Ma non voglio pensarci, ignoro e tiro dritto perché altrimenti dovrei passare il resto della giornata su questa tastiera a batter tasti ad una velocità troppo troppo che dico davvero tanto minore rispetto a quella dei miei pensieri e non c’ho voglia perché è tutto già scritto in fondo o forse no forse non esiste un cazzo di niente messo nero su bianco ma comunque che mi ci danno a fare lasciamo stare lasciamo stare e basta.

Che cos’è che vuoi?

 

Byez, la Nana.

 

Annunci

12 comments

  1. Piano piano, con fatica e intelligenza, sensibilità e silenzio, si supera quasi tutto. Penso che le soluzioni siano dentro noi stessi e coloro che ci circondano sono modificabili nella misura in cui siamo sufficientemente forti da sentire solo un leggere, cupo e lontano dolore.

    La Vita è un’avventura e come tale va affrontata.

    Abbraccio….
    Ciao.
    Stefano.

    Liked by 1 persona

    • La tua sintesi mi piace :)
      Un’avventura.
      Bisogna viverla così.
      La paura ci tende dei tranelli ma riuscire a capire che alla fine sono solo frutto della nostra immaginazione, sarebbe già un bel passo avanti.

      Abbracci.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...