Diario

Scrivere mi riesce meglio ma non voglio farmi leggere.


Certe voglie che ti prendono sono proprio stronze.

Arrivano, ti schiaffeggiano risvegliandoti da un certo torpore, e ti lasciano lì, a bocca asciutta.

E ti giri e ti rigiri e ti giri ancora cercando di non pensarci, cercando di tenere lontana la testa ma le rotelle girano e rigirano e finisci con l’immaginare ogni singolo dettaglio.

E’ un attimo a starci dentro.

Un casino a tirarsene fuori.

 

Succede spesso che le persone non si ricordino il mio nome.

In realtà è proprio difficile che io lo senta pronunciare.

 

Rimane il fatto che non avrei voluto provare ciò che ho provato all’arrivo del treno.

Non mi è piaciuto ed è stato un po’ come fare mille passi indietro.

 

Sembra che tutti abbiano la soluzione in tasca, ma se è così allora fa questo.

Non vi prendete mai la briga di usare del tatto quando esprimete un vostro giudizio?

Dimmi ciò che pensi, ma cerca di prendere anche in considerazione l’altro lato della medaglia, perché se fosse tutto così lineare, nessuno avrebbe problemi dubbi esaurimenti.

 

Guardavo la ragazza seduta di fianco a me, col braccio pieno di ricordi, e mi sono sentita spogliata di tutto.

Credo d’aver messo su off per un po’.

Mi ci vuole.

Sono troppo stanca.

 

mi ci vorrebbero almeno
tre prolunghe tre
per ricaricarmi

 

Byez, la Nana.

Annunci

6 thoughts on “Scrivere mi riesce meglio ma non voglio farmi leggere.

  1. Vorrei dirti qualcosa di sensato ma, mi viene solo da dirti mi spiace sentirti così. Gli altri ci capiscono e si accorgono di noi solo a metà, quando gli fa comodo… Ma non so se commento correttamente quello che hai scritto.
    Mi raccomando: combatti sempre e non arrenderti mai !
    Ricordati che sei una persona che vale anche solo perché pensi !
    Purtroppo i pensatori si stanno estinguendo nel mare della stupidità !

    Ciao.
    Stefano.

    Mi piace

  2. Sei volutamente criptica e ti capisco. Esporre il fianco non è mai facile, soprattutto quando si è già stati feriti dall’altrui leggerezza o indifferenza.
    Anche la stanchezza fa vedere tutto nero a volte.
    Un bacio grande cara

    Mi piace

  3. Dopo numerose vicissitudini ho capito di doverci andare piano quando mi esprimo sulle situazioni altrui (e di dovermi esprimere solo quando mi viene richiesto un parere). Ciò che io posso reputare ovvio può non esserlo affatto per l’altra persona. Mi sono detta che devo lavorare su questo perché ci sono già troppi individui che parlano con la Verità in tasca («Deve fare così! Perché non ha fatto colà?!») e in generale mancano di tatto e/o empatia.

    Se non si ricordano il tuo nome puoi svignartela più facilmente :D

    Le voglie andrebbero soddisfatte. Magari non tutte tutte ma tipo se c’hai voglia di patatine fritte alle 4 della mattina, anche sì U.U

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...